Ricerca
Categoria
CONDIZIONATORI, I NUOVI MODELLI: A NOLEGGIO O PER PURIFICARE L’ARIA

Arriva improvvisamente il caldo africano e siamo senza climatizzatore? Oppure ce ne serve uno magari solo per un limitato periodo ma non abbiamo intenzione di acquistarlo? Finalmente possiamo noleggiare un climatizzatore portatile. Da qualche settimana Olimpia Splendid e ePrice, mettono a disposizione questo servizio di sharing economy portando a casa di chi lo richiede, un climatizzatore portatile Dolceclima di Olimpia Splendid, da restituire a settembre.

Questo servizio pay-per-use – che riguarda per ora solo i residenti nel comune di Milano – ha un grande vantaggio: disporre di un apparecchio di tecnologia attuale, senza dover andare nel negozio a comprarlo, senza doverlo installare nè leggere istruzioni e consigli, usandolo praticamente subito. Tutto il servizio include installazione, istruzioni e suggerimenti sino alla riconsegna a fine stagione.

Per quanto riguarda il climatizzatore fisso molte le novità a partire dal fatto che negli ultimi anni è diventato un sofisticato centro di depurazione e trattamento dell’aria indoor, con consumi dimezzati. E, fattore fondamentale per il cambiamento climatico in atto, il climatizzatore di oggi reagisce velocemente ai picchi di calore e ai repentini cambiamenti della temperatura e dell'umidità che diventeranno sempre più frequenti.

Tenendo anche conto che i più avanzati apparecchi, come quelli di Daikin, captano immediatamente la presenza e la quantità delle persone presenti in un ambiente e le loro stesse attività. In questo modo non si verificano più i picchi di calore o di eccesso di aria fredda dei modelli tradizionali. E questo è possibile solo da quando il climatizzatore è diventato una “centrale” di sensori e di software con processi algoritmici molto veloci, perché più sono veloci più la misurazione dei diversi fattori che costituiscono l'inquinamento e le sfasature del clima indoor avvia velocissimi adeguamenti dei meccanismi.
L’ultimo esempio di queste tecnologie speciali è la serie BreezeleSS+ di Midea che, con il suo compressore Inverter Quattro ultraveloce e con la forma del deflettore abbassa la temperatura in meno di un minuto.
 

Che cosa vuole il consumatore? 
«Che consumi molto poco, che sia comandabile da fuori casa e che depuri l'aria dall'inquinamento». Con questa efficace sintesi, un esperto, Andrea Gori, category manager per il trattamento dell'aria, foto e accessori di Unieuro, ha riassunto per Casa il panel di richieste dei consumatori che entrano in negozio per acquistare un climatizzatore.

Ma quale è la caratteristica tecnologica più interessante per il consumatore? «Il controllo da remoto– risponde Gori – che agli occhi dei clienti è molto più utile per un condizionatore che per gli altri elettrodomestici. Inoltre, da qualche anno gli acquisti si stanno “destagionalizzando” grazie agli incentivi fiscali che consentono di riottenere tra il 50 e il 65 per cento di quanto speso».

Per ambienti molto irregolari
Un miglioramento abbastanza recente è fondamentale: il freddo (o il calore) riesce finalmente a raggiungere ogni angolo anche quando -come accade spesso nelle case “normali” la forma dell'ambiente è irregolare o particolarmente estesa. In particolare, la serie Large di Mitsubishi assicura una corretta e sufficiente circolazione dell'aria con la funzione Wide&Long, un ampio angolo di diffusione fino a 150 gradi suddiviso in 7 scelte telecomandabili in base alla tipologia dell'ambiente.
Con la funzione Long, il getto dell'aria può raggiungere i 12 metri per locali molto allungati. Connessi e sicuri- Fondamentale ai fini del risparmio energetico oltre che del comfort è la possibilità di avere la casa fresca solo quando e dove siamo presenti e questo lo consente proprio il wi-fi e la relativa app che consentono di accendere, spegnere, regolare e programmare il climatizzatore o i climatizzatori in modo flessibile solo quando è necessario. Eliminando funzionamenti a vuoto (se piove, se non torniamo a casa....) che possono costare decine e decine di euro.

Per esigenze speciali 
I nuovi e professionali trattamenti dell'aria dei climatizzatori più recenti sono considerati fondamentali per la salute e il benessere poiché si basano su sistemi complessi di origine professionale. E questo perché le allergie sono sempre più frequenti e croniche.

Panasonic ha una serie di filtri e trattamenti, i Nanoe, che sottraggono idrogeno ai batteri, trasformandolo in acqua e bloccando di conseguenza l'attività batterica. Mentre altri trattamenti eliminano polveri sottili, inquinanti, odori e allergeni di qualsiasi origine. Per un sonno che richiede il silenzio e soprattutto per chi desidera un fresco delicato, Samsung ha messo a punto la serie Wind Free con 21mila microfori che creano un'onda omogenea e diffusa senza alcuna corrente fastidiosa.

Midea con i nuovi BreezeleSS ha realizzato un sistema analogo di diffusione delicata grazie ai deflettori dotati di microfori e soprattutto grazie a uscite laterali dell'aria per un fresco avvolgente a 360 gradi. Ormai i climatizzatori della generazione 2019 sono adatti anche a chi ha il sonno molto molto leggero, perché, oltre a erogare aria pulita e fresca, lavorano in silenzio.

Indietro

Data: lunedì 1 luglio 2019
Autore: Paola Guidi